CROSSabili e la magia del Natale

Il team speciale di Babbo Natale ha portato a 700 ragazzi disabili divertimento, performance con la moto e tanti regali.

L’evento si è svolto in 5 giornate (17-18-21-22-23 dicembre 2020) e ha visto come protagonisti 24 centri diurni delle province di Padova, Vicenza, Treviso e Belluno.

La squadra di Babbo Natale – coordinata da Mattia Cattapan di CROSSabili e Alvaro Dal Farra – ha dato il massimo per far divertire i ragazzi che hanno preso parte ad un progetto più ampio di CROSSabili, chiamato “Metti in moto il sorriso”, che punta ad eliminare le barriere mentali e i pregiudizi che considerano la disabilità un limite ed un ostacolo di fronte al quale arrendersi.

Un pizzico di magia per tutti

Sono state 5 giornate di divertimento, tra performance e consegna dei regali in ben 24 centri diurni del territorio, con il coinvolgimento di 700 ospiti.
L’intento era quello di portare positività, spensieratezza, divertimento e allegria in vista del Natale e della chiusura di un difficile 2020: Babbo Natale e il suo team Cattapan-Dal Farra sono scesi dai furgoni ad ogni centro diurno, consegnando doni e regalando un piccolo spettacolo.
Che siano le ruote della carrozzina di Mattia, quelle perennemente alzate della moto di Alvaro o il silenzio della moto elettrica, l’atmosfera nei corridoi e nelle camere delle strutture si è colorata e riscaldata, facendo sorridere i ragazzi presenti ed il personale.
In queste giornate speciali sono riusciti a portare tanti utili doni ai ragazzi disabili e, almeno per qualche tempo, sono riusciti a rendere queste strutture dei luoghi di unione e divertimento, ricchi di sorrisi ed allegria.

Regaliamo sorrisi…e non solo

In questo strano 2020 segnato dal Covid-19 e dalle restrizioni, le possibilità di fare attività ricreative e di gruppo sono state nettamente inferiori rispetto agli anni precedenti: per alcuni centri la visita di CROSSabili a Natale è stata la prima e unica attività del 2020.

La difficoltà principale è che non potendo creare assembramenti, è stato necessario dividere i ragazzi in gruppi di massimo 10/15 persone; ma questo ovviamente non ha fermato l’entusiasmo di Mattia e Alvaro, che, accompagnati da Babbo Natale, hanno proposto il loro piccolo spettacolo ricevendo sorrisi entusiasti.

“Il mondo della disabilità è un mondo stupendo, fuori dagli schemi e da tutte le regole che la società impone” spiega Mattia. È stato un anno difficile, ma essere qui è importante: se noi a casa ci sentiamo soli e abbiamo bisogno degli amici, per chi vive in struttura è stato un anno ancora più solitario. Bisogna tornare a fare sentire protagonisti questi ragazzi” conclude Cattapan.

“Andare in questi centri dove sai essere l’unico visitatore che è entrato per andare a trovarli, rende l’emozione ancora più grande” spiega Alvaro.

Applausi, risate, senso di comunità e tanta felicità è quello che si è provato in ogni centro visitato dal Team ed è per questo che vogliamo ringraziare le strutture per averci accolto con così tanto entusiasmo e calore.

Infine, un ringraziamento particolare alla generosità degli sponsor, per aver fornito i regali per gli ospiti delle strutture visitate e ai volontari per il supporto.

No Comments

Post A Comment